COVID-19 Ordinanza N.27 3/4/2020 – PRESIDENTE REGIONE CAMPANIA

142

COVID-19, ORDINANZA N. 27 DEL 3 APRILE 2020: ULTERIORI MISURE DI PREVENZIONE E GESTIONE DELL’EMERGENZA

L’Ordinanza n.27 del 3 aprile 2020, firmata dal Presidente Vincenzo De Luca, contiene ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. L’Ordinanza proroga le precedenti ordinanze, allineandole alla scadenza dell’ultimo DPCM. Restano in vigore tutte le misure adottate finora, con integrazioni e ulteriori misure di prevenzione.

Ecco la parte ordinativa dell’ordinanza:

1.  Con decorrenza dalla data odierna e fino al 13 aprile 2020 sono confermate  le misure di contenimento e prevenzione disposte con le seguenti ordinanze:

1.1. Ordinanza n.16 del 13 marzo 2020, con relativo chiarimento n.7, pubblicati sul BURC n.35/2020 e n.40/2020 in tema di attività sanitarie, socio-sanitarie e riabilitazione;

1.2. Ordinanza n.19 del 20 marzo 2020, pubblicata sul BURC n. 45/2020,  in tema di lavoro a distanza ed  edilizia su committenza privata e pubblica,  con la seguente precisazione quanto al punto 2:

2.1. È sospesa l’attività dei cantieri edili su committenza privata, fatti salvi –  limitatamente alle attività consentite dalla vigente disciplina nazionale (DPCM 22 marzo 2020 e ss.mm.ii.)- gli interventi urgenti strettamente necessari a garantire la sicurezza o la funzionalità degli immobili, l’adeguamento  di immobili a destinazione sanitaria finalizzati allo svolgimento di terapie mediche durante il periodo emergenziali,  gli interventi di manutenzione   finalizzati ad assicurare la funzionalità di  servizi essenziali,  il ripristino della messa in sicurezza dei cantieri, ove necessario, e in ogni caso con obbligo di adozione dei dispositivi di protezione individuale da parte del personale impiegato e delle ulteriori misure precauzionali previste dalla disciplina vigente.

2.2. per i lavori a committenza pubblica, fatti salvi l’avvio e la prosecuzione di quelli concernenti le reti di pubblica utilità e l’edilizia sanitaria nonché degli interventi  volti ad assicurare la messa in sicurezza e la funzionalità degli immobili, le stazioni appaltanti,  sempre limitatamente alle attività consentite dalla vigente disciplina nazionale (DPCM 22 marzo 2020 e ss.mm.ii.), valutano  la differibilità delle singole  lavorazioni o  interventi  in corso ovvero programmati. Per le lavorazioni indifferibili, è fatto comunque salvo l’obbligo di adozione dei dispositivi di protezione individuale e delle ulteriori misure precauzionali previste dalla disciplina vigente.

Per ulteriori informazioni si rimanda al link seguente http://www.regione.campania.it/regione/it/news/primo-piano/covid-19-ordinanza-n-27-del-3-aprile-2020-ulteriori-misure-di-prevenzione-e-gestione-dell-emergenza